Classifica e trend delle news online: quali i siti italiani più seguiti?

CLASSIFICA-SITI-GENN-17Chi conquista i primi posti? Sul podio delle news che corrono sul web si confermano Repubblica, Corriere della Sera e TgCom24. Secondo la classifica dell’informazione online – stilata e rilasciata in questi giorni da Prima Comunicazione sulla base dei dati Audiweb di gennaio – sono questi i siti più seguiti dagli italiani.

Seguono al quarto, quinto e sesto posto rispettivamente Il Messaggero, la Gazzetta dello Sport e La Stampa: il quotidiano del gruppo Caltagirone totalizza a inizio 2017 un +58% rispetto al gennaio 2016, grazie ai numerosi accordi commerciali stretti con altri siti che fanno salire l’audience, tra cui spicca il frequentatissimo Anzarulla.it.

Continua a crescere Donna Moderna (+103%) che si classifica al settimo posto, una scalata spinta dall’acquisizione di Banzai Media da parte di Mondadori. A influire sul risultato anche il passaggio al sito del settimanale femminile di alcuni canali che in precedenza facevano capo a Pianeta Donna, che infatti vede calare la sua audience del 71% e si posiziona al quindicesimo posto.

Il portale Tiscali, diretto da Giuseppe Caporale, si trova all’ottava posizione, seguito da Citynews (+7%) che si conferma alla nona, mentre alla decima posizione si classifica il portale dell’agenzia di stampa ANSA.

In discesa Il Post (-72%), l’Huffinghton Post (-14%) e Quotidiano.net (-61%), un calo registrato dal giornale online di Poligrafici Editoriale (gruppo Monrif) in conseguenza alla decisione dell’editore di rinunciare agli accordi commerciali – le cosiddette TAL, Traffic Assigment Letters – che gonfiano l’audience di molti siti.

Da notare è la buona crescita di Dagospia al trentaseiesimo posto (+31%) e soprattutto di Affaritaliani – il quotidiano online fondato e diretto da Angelo Perrino – che torna in classifica tra i primi 60 dopo qualche mese di assenza, con un gran risultato: la sua audience organica rispetto al gennaio 2016 è cresciuta del +88% nell’inizio del 2017, quasi raddoppiando la situazione dell’anno precedente .

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Google+ Comments