San Valentino al tempo dei social

Ben lontano è il tempo delle lettere d’amore e dei bigliettini che chiedevano il consenso per iniziare una relazione. Oggi l’amore è un post su Facebook, una foto su Instagram o un pensiero di massimo 140 caratteri su Twitter (esclusi gli hashtag), soprattutto nella giornata dedicata agli innamorati.

Schermata 2017-02-14 alle 17.48.49Share The Love cantava Cesare Cremonini, e a giudicare dai risultati del sondaggio condotto da skuola.net – secondo cui circa 1 utente su 4 che abbia una relazione intende celebrarla sui social – sembra che oggi lo abbiano ascoltato in molti.

Basta entrare in rete per essere travolti da un’ondata di occhi sognanti, sospiri, baci, cuori e frasi fatte. Quello che colpisce, tuttavia, è che San Valentino sia argomento di “condivisione” anche per coloro che in realtà non lo apprezzano poi molto. E così, avvolto nell’involucro del “bene o male purché se ne parli”, anche quest’anno il giorno degli innamorati è diventato protagonista di molteplici video apparsi in rete. Dal più ironico firmato Casa Surace che mostra le differenze tra la vita da single e quella da “impegnati”, al più profondo “Questo non è amore”, video della Polizia di Stato contro lo stalking e la violenza domestica nel giorno di San Valentino. Un video per evidenziare la presenza di commissariati lungo tutta la rete della metropolitana romana: “Se l’amore fa male, ora sai dove scendere”.

C’è poi chi la giornata dell’amore la passerà solo soletto (70% del campione indagato da skuola.net) e dichiara di non provare alcun fastidio nel vedere la propria homepage traboccante di frasi melliflue e immagini sdolcinate.

#HappyValentinesDay

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Google+ Comments