Cybathlon, A Zurigo le prime Olimpiadi bioniche

A Zurigo si sono svolte le prime Olimpiadi per atleti con protesi bioniche

Non solo Rio 2016, quest’anno le Olimpiadi si sono svolte anche a Zurigo. Dopo le Olimpiadi e le Paraolimpiadi in Brasile, si sono svolte in Svizzera le Cybathlon, prima olimpiade dedicata agli atleti con arti bionici. Particolari anche le competizioni: tagliare velocemente il pane, aprire una scatoletta o svitare velocemente una lampadina, sono solo alcune delle discipline che i partecipanti hanno dovuto affrontare per vincere una medaglia. A fare da protagonisti dispositivi come braccia bioniche, gambe robotiche, esoscheletri e sedie a rotelle sovralimentate, con la tecnologia protagonista assoluta della manifestazione.

Oltre l’aspetto sportivo emerge come le innovazioni tecnologiche possano migliorare la qualità della vita di persone con disabilità, grazie, ad esempio, all’uso di protesi innovative in grado di riconoscere forma, peso e consistenza degli oggetti, la possibilità di controllare protesi attraverso interfacce neurali e ancora la FES, stimolazione elettrica funzionale che consente di attivare i muscoli delle gambe per riuscire ad andare in bicicletta. Disciplina regina delle Cybathlon è stata la Brain-Computer Interface Race, in cui atleti tetraplegici hanno pilotato degli avatar virtuali in una gara controllandoli usando il cervello con particolari caschi che permettono di interfacciare le onde cerebrali con un computer.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Google+ Comments