E-commerce, proliferano le transazioni online

Gli italiani che scelgono l’ e-commerce sono sempre più numerosi. A Marzo, secondo una ricerca, ben 28.3 milioni utenti si sono collegati a internet attraverso pc, tablet o telefoni, restando online in media per più di 50 minuti (fonte Audioweb Device). In particolare, sono i più giovani a utilizzare spesso la rete attraverso diversi dispositivi e, per la prima volta, le donne superano gli uomini nell’uso di internet. Insieme al numero di utenti, si registra anche l’aumento degli acquisti online e cambia anche il modo di fare acquisti attraverso la rete. Infatti, secondo uno studio realizzato da Criteo, quasi la metà degli acquisti avviene tramite più canali e 1 su 3 viene completato da un dispositivo mobile. La disponibilità immediata, la facilità di scelta e i servizi di consegna (quasi) gratuiti in qualunque posto sono i principali vantaggi che spostano l’attenzione del consumatore verso l’m-commerce, in particolar modo nei settori fashion, mass merchant e beauty.

932112_iStock_000047593072Per questo motivo le aziende stanno modificando le proprie strategie di marketing. Ottimizzare un sito per gli smartphone o, ancora meglio la creazione di una app, diventa fondamentale per il futuro delle imprese, soprattutto per essere vicine a tutti i consumatori mobile friendly, che sempre di più abbandonano siti non ottimizzati. Inoltre, il marketing digitale non può più guardare all’uso dei dispositivi mobili solo per identificare e convertire i consumatori in acquirenti. Le aziende, devono poter profilare gli utenti su più dispositivi, browser e app al fine di fornire loro un’esperienza più importante e indicativa nel percorso di acquisto alla ricerca di una brand-experience adatta a ogni profilo.

Con il passare del tempo, quindi, i negozi fisici ridurranno la presenza reale per spostare gli investimenti online e le campagne saranno sempre più indirizzate su canali diversi, specifici e efficaci per ogni utente. I consumatori vivranno in un mondo sempre connesso e veloce, dove l’Internet of Things (IoT) sarà parte della vita di tutti i giorni e dove il mobile sarà il mezzo principale per il quotidiano e per gli acquisti.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Google+ Comments