Google AdWords: come impostare una campagna di successo

Sempre più aziende credono nelle potenzialità del web come strumento di marketing, anche per realizzare campagne pubblicitarie online rivolte al proprio target. Gli strumenti a disposizione delle imprese per ottenere visibilità in questo senso sono in continuo aumento, ma tra le soluzioni più efficaci e di semplice applicazione, Google propone AdWords.

Tramite il famoso programma di Google, è possibile avviare campagne pubblicitarie in due diverse modalità: su siti partner o tra i risultati di ricerca.

Nel primo caso gli annunci, di vario tipo e dimensione, appaiono direttamente su siti WEB partner (ad esempio YouTube): cliccando sull’annuncio, l’utente viene poi rimandato alla pagina web dell’inserzionista.

Il secondo metodo implica l’inserimento di annunci nella pagina dei risultati di Google (SERP). Nella SERP, insieme alla lista dei risultati non sponsorizzati correlati alla ricerca effettuata, in alto e a destra vengono indicati anche gli annunci pubblicitari, correlati alle stesse chiavi di ricerca. Anche in questo caso, se un utente è interessato all’annuncio, cliccando su esso verrà rimandato alla pagina web dell’inserzionista.esempio

Google AdWords permette di realizzare gli annunci per due tipi principali di campagne.

-Campagne Display visibili su siti internet: per attivarle occorre creare degli annunci testuali o visuali (banner) caricandoli dal proprio PC o creandoli direttamente dentro AdWords. Successivamente, si dovranno impostare le opzioni di targeting (ad es. donna o uomo, di una certa età, con certi interessi etc.) e indicare la categoria di siti dove dovrà comparire l’annuncio (musica, infanzia, sport etc.).

-Campagne Search visibili tra i risultati di ricerca Google: trattandosi di annunci che compaiono sulla SERP, possono essere solo testuali e non possono contenere immagini e animazioni.

Ma quale investimento bisogna sostenere per avviare una campagna AdWords?

I costi dipendono da una scelta strategica dell’inserzionista che potrá impostare la campagna con un CPC (Costo Per Clic) in base a quante volte gli utenti hanno cliccato sull’annuncio, oppure un CPI (Costo Per Impression) ovvero in base a quante volte l’annuncio è comparso sui siti, o tra i risultati della pagina di ricerca su Google.pay per clic

Per attivare le campagne è inoltre necessario creare un elenco di parole chiave correlate con il prodotto/servizio da promuovere. La scelta delle keywords è fondamentale in quanto gli annunci verranno poi visualizzati in base alla pertinenza delle parole chiave scelte con il prodotto stesso.

Ogni parola chiave di AdWords ha un costo che dipende da quanti inserzionisti vogliono far comparire annunci legati a quella parola. Più inserzionisti scelgono quella parola, più il suo costo aumenta. A stabilire quali annunci verranno visualizzati su Google, è un meccanismo automatico di asta. Ogni inserzionista può stabilire il prezzo massimo che è disposto a pagare per una keywords (ad esempio al massimo 2 € per ogni clic), il resto lo fa automaticamente l’asta. L’annuncio che verrà concretamente visualizzato alla ricerca di una determinata keywords, è quello per il quale si è fissato il prezzo più alto. Il pagamento, mai superiore al prezzo stabilito, da parte dell’inserzionista avviene nel momento in cui l’utente clicca sull’annuncio.

Riassumendo, per attivare una campagna con Google Adwords si ha bisogno di:

1) un account Gmail.

2) un sito internet o di una pagina web di destinazione (landing page).

3) uno strumento di pagamento accettato da AdWords (carta di credito etc.)

Per tutto il resto c’è NewsCast!

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Google+ Comments

One Comment

  1. Pingback: Google Adwords #02. Gli errori da evitar - NewsCast

Comments are closed.